Terapie di Odontoiatria

Implantologia: puoi davvero tornare a sorridere!

Chi non vorrebbe avere denti di ricambio da poter tranquillamente impiantare all’occorrenza e sfoggiare un sorriso smagliante, biglietto da visita in molte occasioni?


Il nostro volto, la nostra espressione, il nostro sorriso, sono tutti elementi fondamentali nella comunicazione non verbale. Vedere una persona che sorride è sinonimo di voglia di fare, di solarità, di positività, di sicurezza. E per trasmettere tutto ciò è fondamentale prendersi cura della propria bocca e in particolar modo dei propri denti..

Per questo motivo oggi la scienza medica ci fornisce come soluzione l'Implantologia, una delle branche più affermate e ricercate dell'Odontoiatria, grazie al  Prof. P.I. Branemark che, con la sua prestigiosa Scuola Svedese, è riuscito a dimostrare l'elevatissima percentuale di successo di impianti effettuati su vari pazienti. E' una tecnica che con il tempo è riuscita a migliorare sensibilmente la qualità della vita di molte persone. Ma cerchiamo di capire più chiaramente di cosa si tratti.

Per Implantologia si intende una tecnica chirurgica che ci permette di sostituire gli elementi dentali persi, senza dover ricorrere ai ponti che, come molti sapranno, consistono nell'intervenire su denti sani per poter essere ancorati, non assicurando però un risultato duraturo nel tempo. Più dettagliatamente, con un intervento di Implantologia vengono inseriti nell'osso mascellare o mandibolare, in base alla mancanza di uno o più elementi dentali naturali, dei perni in titanio filettato denominati impianti che, una volta integrati nell'osso stesso, potranno tranquillamente supportare uno o più denti artificiali.

Dai sondaggi risulta che 3 Italiani su 4 hanno preferito un impianto ad un ponte, nonostante il costo elevato dell'intervento. Ma non tutti possono ricorrere ad un intervento di Implantologia, molto infatti dipende dall'anamnesi del paziente e dalla quantità e stato di salute della base ossea.

Oggi esistono varie tecniche di Implantologia tutte molto efficaci, vediamone alcune:

  •  ALL ON FOUR:  è una metodica studiata dal 1993 dal Dr. Paulo Malò di Lisbona. Consiste nel posizionare solo 4 impianti dentali (da qui all on four), due verticalmente e due con una inclinazione di 30°-45° gradi, nella porzione anteriore dell'osso mascellare o mandibolare, in modo da ottenere un ideale poligono di appoggio che ottimizza il supporto protesico. Il vantaggio sta nella riduzione di tempo con cui viene eseguito l'intervento e soprattutto nella possibilità di avere fin da subito una dentatura completa, con denti fissi in non più di 24 ore dall'intervento. Le percentuali di successo implantare oscillano tra il 97% e il 99% e quelle di successo protesico sono pari al 100%.
  • A CARICO IMMEDIATO: a differenza dell'Implantologia tradizionale a carico differito, è sicuramente un intervento di carattere meno invasivo. Permette di inserire gli impianti dentali in titanio e di fissarvi sopra le corone provvisorie o la dentiera definitiva nella stessa seduta o comunque entro 24/48 ore dall'intervento, senza dover aspettare dai 2 ai 6 mesi di guarigione (come succedeva nell'implantologia a carico differito). E' stato dimostrato che gli impianti inseriti con questa tecnica si sono integrati alla base ossea esattamente come quelli impiantati tradizionalmente, a dimostrazione del fatto che non esiste motivo scientificamente provato per far rimanere il paziente con una protesi mobile, quando può tranquillamente uscire dallo studio con una protesi ben fissata da subito sugli impianti. Anche in questo caso i vantaggi riguardano la possibilità di riacquistare da subito le funzioni masticatorie e l'estetica.
  • FLAPLESS O TRANSMUCOSA: è la tecnica chirurgica più apprezzata dai pazienti, in quanto permette tramite opportune tecnologie cliniche, appositamente studiate, di “avvitare” gli impianti sull'osso del paziente passando attraverso il lembo gengivale. Se l'impianto ancorato nell'osso risponde alle condizioni cliniche idonee, è possibile montare subito la protesi dentale. Con questa tecnica l'osso non viene esposto all'esterno e quindi non c'è il rischio di riassorbimento osseo. Inoltre è un tipo di intervento in cui è possibile utilizzare il laser a diodi e quindi non sono richiesti né l'uso del bisturi, nè i punti di sutura; di conseguenza anche il campo operatorio presenterà un ridotto sanguinamento e il tempo di guarigione dei tessuti gengivali sarà automaticamente più veloce.
  • COMPUTER GUIDATA: grazie alla tecnologia informatica oggi è possibile progettare ed eseguire l'intervento di posizionamento degli impianti in tutta sicurezza e con un'assoluta precisione e precidibilità dei risultati. Per alcuni interventi particolarmente difficili un grande aiuto viene dato dalla radiologia; per cui partendo da una successione di radiografie, il computer riesce a ricostruire perfettamente immagini tridimensionali dell'anatomia del cranio del paziente. Successivamente con queste radiografie sarà possibile preparare l'intervento e programmarlo con un margine di errore compreso tra lo 0,5 e 1 mm. Anche in questo caso è possibile utilizzare il laser a diodi e quindi né bisturi, né tagli, né tantomeno dolore o gonfiore. Ma è bene precisare che questa tecnica non è consigliabile a tutti, molto dipende dall'anamnesi del paziente e dallo stato di salute delle basi ossee mascellari/mandibolari.

E' logico che queste tecniche corrispondano solo alla  fase dell'intervento, il dopo spetta al paziente. Le visite di controllo periodiche e le sedute di igiene orale programmate sono fondamentali per il mantenimento a lungo termine delle riabilitazioni implantoprotesiche. I depositi di placca batterica e tartaro possono causare infiammazione dei tessuti molli che circoscrivono l'impianto, situazione reversibile se presa in tempo, mentre se trascurata può far riassorbire l'osso peri-implantare (in questo caso si parla di perimplantite) fino alla perdita dell'impianto.

L'Italia ha compiuto passi da gigante negli ultimi 10 anni, uniformandosi ai paesi “più evoluti” in campo medico-chirurgico, fino a far valere la sua voce in molti congressi internazionali. Quindi alla luce di tutto ciò concluderei sottolineando che ancora una volta la scienza e la medicina sono riuscite, collaborando insieme, a trovare un'ottima soluzione alle diverse problematiche poste dall'uomo, scendendo in campo con una tecnica affermata come l'Implantologia.

Puoi davvero tornare a sorridere!

 


Studio Dentistico Dr. Michele Giudice
Salerno

declino responsabilità | privacy

Albo provinciale di Salerno 7441

PI 02788720650

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà delDr. Michele Giudice

www.dentisti-italia.it